Tutti gli articoli di Pokénerd

Nasce in Umbria nel Giugno 1992. Si appassiona all'Anime Pokémon dagli albori in Italia e segue scrupolosamente ogni episodio. Particolarmente esperta sul protagonista Ash Ketchum, si é documentata su tutto ciò che é possibile conoscere su di lui, arrivando così a gestire l'enciclopedia online Satoshipedia.

Qualifiche e Titoli di Ash Ketchum

english icon_Satoshipedia_okLa prima cosa che bisogna ricordare di Ash, ma che in tanti, invece, tendono a dimenticare, é che lui, avendo guadagnato il titolo di CAMPIONE della Battle Frontier di Kanto, é anche uno dei Frontier Brains della sua regione, solo che Ash ha temporaneamente rifiutato di ricoprire il ruolo per poter continuare a viaggiare. Quindi, effettivamente, un titolo importante vicino a quello di Maestro Pokémon lo detiene già, ma come tutti sappiamo, l’obiettivo che desidera veramente raggiungere Ash é quest’ultimo.

Nel corso del suo viaggio, Ash ha partecipato a numerosi tornei e leghe, di qualsiasi genere. Vediamo insieme quali sono tutti i titoli che ha ricevuto, e di conseguenza anche i vari premi.

Titoli più importanti

Orange League Champion
Campione della lega di Orange
Battle Frontier Master
Campione e Frontier Brain della Battle Frontier di Kanto
Sinnoh League top 4
Semifinalista (tra i primi 4) alla Lega di Sinnoh (ma comunque vincitore morale, in quanto é stato l’unico a sconfiggere non solo il Darkrai di Tobias, ma anche il suo Latios)
Kalos League Final
Finalista alla Lega di Kalos (ma anche in questo caso vincitore morale, per la sua sconfitta ingiustificata. Anche gli stessi disegnatori dell’anime hanno espresso il loro dissenso in merito ad essa)

Per quanto riguarda altre leghe, Ash é arrivato tra i primi16 alla Lega di Indigo (una buona posizione per essere la prima a cui ha partecipato) e tra i primi 8 alle leghe di Johto (Conferenza Argento) e di Hoenn (Campionati di Iridopoli)


Successi in altri tornei

Oltre alle Leghe Pokémon, Ash ha preso parte anche ad altri tornei “secondari”. Vediamo prima quelli in cui ha vinto dei trofei:

P1GrandPrix Champion
Gran Premio P1, in cui il suo Primeape ha vinto la cintura nell’episodio della
prima stagione: “Il Torneo
Pokémon Sumo Champion
Campionato di Sumo dei Pokémon, in cui Ash, insieme al suo Snorlax, ha vinto una Roccia di Re e una fornitura annuale di Cibo per Pokémon
(immediatamente divorata da Snorlax), nell’episodio “Pesi Massimi” della serie Johto Champions League
Grossgate Town Pokéringer Champion
Gara Pokéringer di Crossgate Town, in cui Ash ha vinto la cittadinanza onoraria della città (episodio “Il Gioco dell’Anello” della
serie Advanced Challenge)
Hearthome City Tag Battle Competition
Il Torneo di Incontro Doppi di Cuoripoli, in cui Ash, in coppia con Paul, ha vinto una Calmanella (episodio: “La finale di  Cuoripoli“, serie Diamante & Perla)
Squallville Pokéringer Champion
Gara Pokéringer di Burrascopoli,in cui Ash ha vinto sia la cittadinanza onoraria della città,sia un rifornimento annuale di Cibo per Pokémon (divorato immediatamente dal Mamoswine di Lucinda), nell’episodio “Puntare in Alto!” della serie DP Battle Dimension
Twinleaf Festival Champion
Il Torneo del Festival di Duefoglie,in cui Ash ha vinto sia un trofeo,sia il privilegio di sfidare Palmer, il Boss Torre (episodio: “Sfida controun grande!” della serie DP Lotte Galattiche)


Altri trofei, vinti in competizioni secondarie

Ash ha partecipato anche a molte altre competizioni, sempre riguardanti i pokémon, che però non riguardavano le lotte classiche:

Pokémon Race Champion
Gara di corsa Pokémon sponsorizzata dal Clan dei Laramie, in cui Ash é arrivato primo cavalcando il Ponyta (in seguito evolutosi in Rapidash) di Lara Laramie (episodio “La Gara“, della prima stagione)
Bug-Catching Contest Champion
Gara Pigliamosche al Parco Nazionale di Johto, in cui ha vinto sia una Pietrasolare che un Beedril, che poi ha regalato alla sua amica Casey. (episodio: “Caccia ai coleotteri” della serie Johto League Champions)
Hot Air Balloon Race
Gara di Palloni Aerostatici, in cui ha partecipato con il suo Noctowl e in squadra con Misty e Brock nell’episodio “La gara di mongolfiere“. Hanno vinto a pari merito con la squadra di Skyler e suo padre, a cui i ragazzi hanno deciso di cedere il motore per palloni aerostatici ricevuto in premio
Extreme Pokémon Contest Champion
La Gara di Pokémon Estremo, nella città di Eggseter, in cui ha vinto il Trofeo Pokéball D’oro (episodio “Una gara fuori programma” della serie Master Quest)
Hearthome Collection Originality
La Collezione di Cuoripoli, a cui ha partecipato insieme a Pikachu e ha vinto il premio speciale per l’originalità (episodio: “Questione di stile!” della serie
DP Battle Dimension“)
Triathlon of Pokémon Summer Accademy
Il Triathlon dell’Accademia Pokémon estiva, in cui ha vinto la gara di corsa finale e ha inoltre ricevuto, come tutti gli altri allenatori, una targa commemorativa per aver partecipato all’evento (episodio: “La gara finale! Il triathlon dei pokémon!“)


Posizioni in cui si é piazzato nelle competizioni che non ha vinto

Grass Tournament Runner-Up
Secondo al Torneo dei Pokémon d’Erba, nell’episodio “Un torneo speciale“, serie Johto League Champions
Whirl Cup Top 16
Tra i primi 16 al torneo della Coppa Vortice, nelle Isole Vorticose (episodio: “La seconda fase” della serie Master Quest“)
Pokémon Dress-Up Contest Top 3
Tra i primi 3 alla Gara di imitazione di Sinnoh, nell’episodio: “La grande gara di travestimento“, serie Diamante & Perla.
Pokémon Ping Pong Tournament Top 32
Top 32 al Torneo di Pokémon Ping Pong, nell’episodio “Un talento innato“, serie DP Galactic Battles
Hurdle Dash of Pokéathlon Second Place
Secondo alla Corsa a Ostacoli del Pokéathlon nella città di Cameliopoli, episodio: “Rivalità da Maratona“, serie DP Sinnoh League Victors


Gare Pokémon

Ash ha partecipato anche ad alcune gare pokémon, sia per divertimento, che per affiancare le sue amiche Vera e Lucinda, benché lui non sia affatto portato per questo tipo di competizioni, come ammesso dallo stesso Ash, che essendo concentrato sull’efficacia delle mosse, tende a dimenticare di presentarle elegantemente.

Nonostante questo, Ash ha sempre osservato attentamente le Gare Pokémon, da cui é spesso riuscito a trarre ispirazione per alcune delle sue più spettacolari mosse di combattimento (per approfondire andate a QUESTO LINK).

Di seguito, ecco le Gare Pokémon a cui ha preso parte, con le relative posizioni in cui si é classificato:

Terracotta Town Pokémon Contest Champions
Gara della città di Terracotta, in cui ha vinto a pari merito con Vera (episodio: “La decisione di Vera“, serie Battle Frontier)
Hearthome City Pokémon Contest
Gara Pokémon di Giubilopoli, in cui si é classificato in Top 8 (episodio “Una rivale per Lucinda“, serie Diamante & Perla)
Wallace Cup Top 8
Coppa Adriano, in cui si é classificato in Top 8 (episodio “La seconda prova!“, serie DP Battle Dimension)

Satoshipedia si basa solo ed unicamente sulle serie che costituiscono la timeline originale dell’anime Pokémon.

Firma anche tu la petizione per dire basta ai reboot di Ash nell’anime Pokémon! Bastano pochi secondi e puoi scegliere di restare anonimo, nascondendo pubblicamente i tuoi dati!


 

 

Pokénerd

About Pokénerd

Nasce in Umbria nel Giugno 1992. Si appassiona all'Anime Pokémon dagli albori in Italia e segue scrupolosamente ogni episodio. Particolarmente esperta sul protagonista Ash Ketchum, si é documentata su tutto ciò che é possibile conoscere su di lui, arrivando così a gestire l'enciclopedia online Satoshipedia.

Focus: L’infanzia di Ash

english icon_Satoshipedia_ok

L’infanzia di Ash

Da bambino Ash era molto vivace e dispettoso, infatti adorava giocare in giro e combinare guai. Delia lo rimproverava quando causava troppi problemi, ma non lo ha mai costretto a focalizzarsi sui suoi studi.5476

La maggior parte delle informazioni che state per leggere provengono dai famosi libri scritti dal creatore della serie animata, su cui potete leggere delle informazioni a QUESTO LINK.
QUI per altri interessanti dettagli sull’infanzia di Ash e il suo rapporto con la mamma Delia

Ash iniziò a diventare pestifero intorno ai tre anni di età. Spesso Delia per farlo stare buono fingeva di mettersi a piangere. Ash però era anche un bambino dolcissimo, infatti  in uno di questi momenti é capitato che Delia finisse per piangere sul serio, perché non poteva fare a meno di ripensare al fatto di essere una giovanissima madre single. A quel punto, Ash smise immediatamente di fare macello, si avvicinò a Delia e semplicemente chiedendole «Mamma che c’é che non va? Stai bene?» riuscì a consolarla. Delia si sentì molto confortata da questo gesto di Ash, infatti lei sentiva spesso la necessità di dirgli «Grazie tesoro».

Ash ha frequentato la materna e le elementari a Biancavilla, a differenza di Gary che scelse di sua iniziativa di iscriversi alla scuola elementare della città vicina. Essendo lui della famiglia Oak, non voleva limitarsi a frequentare la piccola scuola elementare di Biancavilla. Così, ogni giorno Gary si faceva due ore di viaggio per andare e tornare da scuola.

Ash non sopportava Gary, ma allo stesso tempo non dava più di tanto peso ai suoi atteggiamenti di superiorità, perché in un certo senso era comprensivo nei suoi confronti: «Gary è un cretino egocentrico che guarda gli altri dall’alto in basso solo perché fa parte della famiglia Oak. É sempre pieno di sé, benché il lignaggio sia l’unica cosa di cui può vantarsi. Però deve essere dura per lui dimostrarsi all’altezza dei suoi antenati…» Questi erano i pensieri che ad Ash di tanto in tanto venivano in mente riguardo a Gary.

Allo stesso tempo però, dato che il padre e il nonno di Ash erano dei completi falliti, é molto probabile che Gary considerasse anche Ash pietoso come loro.

Ash e il bullismo

Alla materna e alle elementari Ash é stato preso di mira dai bulli. Quando questi lo infastidivano, Ash andava direttamente dagli insegnanti o dai padri dei bulli, per chiedere loro di sgridarli. Se i padri non lo ascoltavano, Ash si assicurava che i bulli venissero rimproverati almeno dall’insegnante.

Il problema del bullismo fu risolto definitivamente da Delia, che parlando con i padri dei bulli li spronò a risolvere i loro problemi coniugali. Con una famiglia più serena i bulli pian piano finirono per smettere di prendere di mira Ash, che felice tornò a dedicarsi solamente alle sue marachelle.

Ash giocava sempre per conto suo, divertendosi con giochi abbastanza pericolosi come arrampicarsi sugli alberi e scendere dalle colline su tavole di legno (da questo infatti, deriva la sua grande agilità). Amava anche pescare e cercare insetti.

Nonostante ciò, Ash ha più volte affermato di odiare la solitudine, descrivendola come “molto dura” e “motivo di sofferenza”, come se avesse provato tali sensazioni sulla sua stessa pelle. Questo lascia capire che Ash durante l’infanzia si sia sentito parecchio solo, benché non abbia quasi mai lasciato trasparire questa sua tristezza. Ciò é anche confermato nei testi di alcune sigle giapponesi.

Di solito i testi delle sigle giapponesi parlano delle emozioni dei protagonisti, In QUESTO ARTICOLO abbiamo approfondito tutti gli aspetti caratteriali e psicologici di Ash anche avvalendoci di essi.

Voce di Ash da bambino:

Il piccolo Ash e suo padre

L’infanzia di Ash è stata fortemente segnata dall’assenza del padre. Ash non lo ha mai conosciuto, se non tramite fotografie e racconti della madre, la quale veniva continuamente sommersa di domande che lo riguardavano: «Dov’é Papà?» «Cosa sta facendo in questo momento?» Delia ovviamente non sapeva rispondere a queste domande, perciò si limitava a raccontargli che fosse un allenatore di pokémon straordinario, finché un giorno, in cui Ash aveva 5 anni, é stata costretta a confessargli di aver detto delle bugie, perché dato che nessuno aveva più saputo niente di quest’uomo, non si sapeva neanche se fosse diventato effettivamente un bravo allenatore.

Quello stesso giorno ad Ash fu regalato un computer, grazie al quale avrebbe potuto verificare tramite internet se suo padre avesse ottenuto successi come allenatore, ma purtroppo non trovò niente.

Tuttavia Ash non rimase mai profondamente scioccato dalla mancanza di suo padre, per merito del suo fortissimo carattere. Ciò é stato un sollievo per Delia. A tal proposito, come spiegato da Shudo, probabilmente il carattere di Ash sarebbe diverso se avesse conosciuto il padre.

Delia aveva sempre desiderato diventare un’allenatrice di pokémon, perciò di tanto in tanto mormorava: «Il padre e il nonno di Ash in questo momento sono in viaggio da qualche parte con l’obiettivo di diventare allenatori di Pokemon…come li invidio… »

Durante l’infanzia di Ash, questa frase gli è arrivata talmente tante volte alle orecchie, da fargli scattare il forte desiderio di diventare un allenatore di pokémon.

Potete leggere il capitolo integrale con i dialoghi tra Ash e Delia a QUESTO LINK

Ash e il prof. Oak

Inizialmente, Ash non conosceva molto il prof. Oak, lo aveva solo visto, alcune volte, andare di notte alla locanda della madre (in cui si soffermava semplicemente per mangiare cibi precotti mentre leggeva un libro). Dato che a  quell’ora Ash doveva essere già a dormire, non  aveva molte occasione di parlare con il professore. Con il tempo lo ha conosciuto meglio, dal momento che è un caro amico della madre e il nonno del suo coetaneo Gary, perciò le due famiglie passavano molto tempo assieme, andando persino al cinema.

Ash e Serena al Campo Estivo

In seguito il prof. Oak organizzò un campo estivo sui pokémon, a cui ovviamente Ash partecipò, dove conobbe Serena, che anni dopo ha rincontrato nella regione di Kalos.

 

Serena era caduta, facendosi male ad un ginocchio, ma a quel punto intervenne Ash, che molto dolcemente le legò un fazzoletto al ginocchio e la aiutò a rialzarsi, riaccompagnandola al campo, da cui si era persa. La bambina, colpita dalla gentilezza di Ash, si prese immediatamente una cotta per lui, ma purtroppo, terminato il campeggio, non ebbe più modo di rivederlo.

Chicche sull’infanzia di Ash

> Da piccolo quando comunicava usando il computer o quando provava a darsi delle arie, Ash si riferiva a se stesso col pronome “boku“, ma generalmente utilizza sempre “ore”

> Spesso e volentieri Delia chiedeva l’aiuto di Ash per il lavoro in giardino. Tuttavia, Delia gli faceva svolgere così tanto lavoro che Ash non riusciva nemmeno a studiare.

> Nelle versioni occidentali dell’anime, Ash da bambino era soprannominato “Il Piccolo Ash”, per via della sua (tutt’ora) scarsa statura. Tale nome era utilizzato soprattutto da Gary, come mostrato nella prima serie dell’anime in cui lo utilizzavano anche il Team Rocket e Misty (la quale aggiungeva anche altri nomignoli come “Piccolo Saputello Impertinente” o “Piccolo Egoista” eccetera).

> Poco prima della sua partenza, Ash ha trascorso ben 10 giorni a cercare di trovare la sua caratteristica posa di vittoria (che accompagna sempre il suo “Getto Daze!”). 

Inoltre, prevedendo di iniziare il suo viaggio con BulbasaurCharmander o Squirtle, aveva pensato a dei soprannomi per questi tre pokémon, rispettivamente: DanesukeKagetarou e Zenibou.


Firma anche tu la petizione per dire basta ai reboot di Ash nell’anime Pokémon! Bastano pochi secondi e puoi scegliere di restare anonimo, nascondendo pubblicamente i tuoi dati!


 

Pokénerd

About Pokénerd

Nasce in Umbria nel Giugno 1992. Si appassiona all'Anime Pokémon dagli albori in Italia e segue scrupolosamente ogni episodio. Particolarmente esperta sul protagonista Ash Ketchum, si é documentata su tutto ciò che é possibile conoscere su di lui, arrivando così a gestire l'enciclopedia online Satoshipedia.

Focus: Crescita di Ash: com’é cambiato e maturato nel corso degli anni

english icon_Satoshipedia_ok

Crescita di Ash

Col passare degli anni e col progredire della storia una psicofisica crescita di Ash c’é oggettivamente stata e questo é un dato di fatto.

Scorrendo gli episodi é impossibile non notare che nelle prime serie Ash aveva dei comportamenti totalmente diversi da ora, che risulta inequivocabilmente più maturo.

Importante: Per comprendere meglio questo articolo é necessario aver letto prima quello riguardante l’età di Ash in ogni serie, a QUESTO LINK)

Ad esempio nelle prime stagioni Ash spesso e volentieri si vantava dei piccoli successi che aveva ottenuto assumendo un atteggiamento di arroganza tipicamente infantile, mentre ora, essendo maturato, non si sogna nemmeno di comportarsi così e addirittura rimprovera (a suo modo) chi commette questo errore.

Anche il modo di ragionare di Ash e il modo di rapportarsi con gli altri sono visibilmente cambiati rispetto alle prime serie, questo lo ha indubbiamente notato chi ha sempre seguito assiduamente l’anime. Non a caso, infatti, il libro “The Japanification of Children’s Popular Culture” ha citato Ash sottolineandone crescita e sviluppo nel corso dell’anime.

Vediamo ora nello specifico come Ash é cambiato negli anni.

 Ash nella prima serie

 

Nella prima serie, Ash aveva appena iniziato il suo viaggio. Per essere soltanto agli esordi della sua carriera di allenatore e pur non essendosi mai impegnato nello studio dei pokémon quando andava a scuola, dimostrava di conoscere bene gli attacchi che ogni pokemon era in grado di usare.

Si notava anche il suo talento per le lotte pokémon, benché fosse ancora acerbo e necessitasse di essere sviluppato a dovere, in quanto Ash era ancora goffo ed inesperto; per questo nelle lotte pokémon aveva sempre bisogno dei suggerimenti di Misty e Brock, che anche al suo primo torneo della Lega Pokémon sedevano a bordo campo come assistenti.

Gli atteggiamenti di Ash erano ovviamente infantili, infatti ad ogni minimo successo tendeva a diventare vanitoso (risultando spesso abbastanza antipatico) ed euforico, ma quando non faceva lo spiritoso si rivelava anche piuttosto tenero.

Ash é sempre stato un ragazzo gentile ed educato, tuttavia diceva sempre quello che pensava e il che lo rendeva sincero, ma alquanto sfacciato.

A quei tempi era anche molto dispettoso, specialmente nei confronti di Misty che spesso non apprezzava affatto  il suo umorismo. Questa caratteristica gli é rimasta tutt’ora, perché essere burlone fa parte proprio della sua personalità ma, naturalmente, non più ai livelli di quando era piccolo.

Il coraggio, ovviamente, é una qualità che ha sempre avuto, anche se nella prima serie era un po’ piagnucolone e, benché non volesse ammetterlo, era terrorizzato dai luoghi “spettrali”.

Voce di Ash nella prima serie:

Ash nelle serie di Orange e Johto

 

Già a partire dalla Lega di Orange si é iniziata a vedere una piccola maturazione negli atteggiamenti di Ash, sebbene ogni tanto continuasse ad assumere atteggiamenti vanitosi (questa cosa é andata avanti fino alla serie Advanced).

Voce di Ash a Johto:

Per quanto riguarda la voce di Ash, noi Italiani abbiamo la grande fortuna di aver sempre avuto il mitico Davide Garbolino a interpretarla, che in tutti questi anni ha, mano a mano, cresciuto la voce di Ash. Non sono da meno anche i doppiatori degli altri stati però: anche Rica Matsumoto, la doppiatrice giapponese di Ash, avendo una voce molto mascolina, per quanto le é stato possibile ha eseguito una crescita di Ash nella voce.

Parlando della versione inglese, nelle prime serie la sua doppiatrice era Veronica Taylor, che dava ad Ash una voce infantile, consona a quella che era la sua età, mentre a partire dalla serie Battle Frontier é stata sostituita con una voce più matura, seppur pur sempre di una ragazza: Sarah Natochenny (QUI per ascoltare le voci).

Nella serie di Johto, sebbene Ash molto spesso continuasse ad assumere atteggiamenti vanitosi, stavolta a suo favore c’era il fatto che anche come allenatore era maturato sul serio: é infatti a partire da questa parte dell’anime che ha iniziato a venire fuori il suo famoso talento di stratega, dimostrandosi abilissimo nell’uscire da situazioni critiche utilizzando le sue, ormai famose, strategie improvvise (per approfondire andare a QUESTO LINK) che nella maggior parte dei casi si basavano sullo sfruttamento del campo lotta.

Durante la Conferenza Argento (Lega di Johto), Misty e Brock continuavano a sedere a bordo campo come assistenti, ma non davano quasi più consigli ad Ash, che dimostrava di non averne più bisogno.

Per quanto riguarda il carattere, ha iniziato anche a consolidarsi la sua dolcezza, visibile soprattutto nei Confronti dei suoi pokémon, che consolava e coccolava amorevolmente specialmente se erano tristi o spaventati. Ciò ha conquistato il cuore della sua Chikorita (attualmente Bayleef) che in molti casi assumeva anche degli atteggiamenti di gelosia nei confronti di Ash.

Nel corso di questa serie hanno iniziato anche a diminuire i litigi tra Misty e Ash, infatti, quest’ultimo, specialmente nella seconda metà di questa saga, é diventato sempre più dolce e premuroso anche nei confronti di Misty (e ovviamente viceversa), fino ad arrivare all’apice, nell’episodio in cui si sono separati.

Ash nella serie Advanced

 

Dopo aver finalmente sconfitto Gary e dopo aver salutato gli amici che lo avevano accompagnato nel suo viaggio fino a Johto, Ash appariva leggermente spaesato, perché a partire da quel momento avrebbe dovuto cavarsela da solo, ma essendo estremamente positivo, ha colto la palla al balzo per quello che ha considerato un nuovo inizio: ha lasciato a casa tutti i suoi pokémon eccetto Pikachu ed é partito alla volta della regione di Hoenn, per poter iniziare una nuova avventura, ma stavolta cavandosela da solo.

Arrivato nella nuova regione, la compagna di viaggio di Ash é diventata Vera, un’allenatrice alle prime armi, inizialmente molto goffa e impacciata, infatti a partire da questa serie Ash ha iniziato ad assumere il ruolo di allenatore veterano (seppure all’inizio un po’ goffamente), aiutando Vera con consigli e istruzioni sulla vita degli allenatori di pokémon: ruolo che nei confronti di Ash ricoprivano precedentemente Misty e Brock. Verso la metà di questa generazione, Ash ha smesso definitivamente di assumere atteggiamenti vanitosi, dando addirittura dei saggi consigli in proposito a Vera che, ad un certo punto della serie, aveva iniziato ad avere i medesimi atteggiamenti.

Una volta che Vera é diventata una coordinatrice esperta, ha espresso la sua gratitudine ad Ash per tutte le cose che le ha insegnato.

Per quanto riguarda il talento nelle lotte pokémon di Ash in questa generazione, come già detto, é diventato molto più maturo ed esperto, le sue lotte pokémon sono diventate veramente coinvolgenti e le sue abilità di stratega sono andate via via consolidandosi, portandolo, alla fine della serie Battle Frontier, a guadagnarsi il titolo di Maestro della Frontiera Lotta (Parco Lotta).

Proprio nel corso della Battle Frontier, c’é stata anche la maturazione della voce di Ash, che ha iniziato ad assumere un tono più adulto (il che vale anche per la versione inglese, dato che il passaggio da Veronica Taylor a Sarah Natochenny é avvenuto proprio in questa serie).

Voce di Ash all’inizio di Advanced:

Voce di Ash in Battle Frontier:

Ash nella serie Diamante & Perla

 

La serie DP ha rappresentato l’apice della crescita di Ash come persona e come allenatore. Anche qui ha avuto a che fare con un’allenatrice (o meglio, coordinatrice) alle prime armi: Lucinda, che fin da subito ha dimostrato molta ammirazione nei confronti di Ash, per la sua bravura come allenatore e per il suo carattere gentile e rassicurante.

Lucinda tendeva molto a demoralizzarsi e Ash interveniva spesso per cercare di rassicurarla e trasmetterle fiducia in sé stessa, anche affiancandola nei suoi allenamenti.Ash_Dawn_High_Five Dopo che Lucinda é riuscita a sviluppare una geniale tecnica da usare nelle Gare, basata sulla rotazione dei propri pokémon, Ash le ha dato ulteriore prova della sua esperienza, utilizzando a sua volta questa tecnica, ma potenziandola nel tempo con diverse varianti e portandola ad un livello elevatissimo, trasformandola nel geniale Controscudo.

In questa serie, infatti, Ash é diventato anche esperto nella creazione di nuove tecniche di lotta.

Gli atteggiamenti di Ash in questa generazione sono molto maturi (sebbene di tanto in tanto continuasse a venire fuori il suo “lato giocoso”) e ciò si rifletteva anche sul suo lavoro con i pokémon, con cui spesso risultava essere anche molto severo, ma allo stesso tempo dolce, specie nei confronti dei pokémon più timidi.Ashpoke Questa sua gentilezza con i pokémon lo ha messo in urto con Paul, un allenatore molto rigido, i cui atteggiamenti erano l’esatto contrario di quelli di Ash, ma alla fine, in seguito alla lotta più spettacolare che abbia mai combattuto, Ash ha messo in pratica tutta la sua esperienza, riuscendo a sconfiggere Paul e a renderlo più gentile nei confronti dei pokémon

Voce di Ash In Diamante & Perla:

Ash nella serie XY

La serie XY é considerata a tutti gli effetti il seguito di Diamante&Perla con un’ulteriore crescita di Ash, perché vi troviamo un Ash Ketchum di nuovo maturo e allo stesso livello in cui lo avevamo lasciato in quella serie. Tale livello, nel corso della storia é stato addirittura superato.
Non é un caso, infatti, se nel corso della serie XY sono state inserite molto spesso affermazioni dei protagonisti riferite al “ritorno del VERO Ash” (“mostraci cosa sa fare il vero Ash” “ecco il vero Ash” eccetera).

In questa serie Ash viaggia con Serena, Lem e Clem. Tutti e tre i ragazzi considerano Ash un punto di riferimento e una persona speciale. Nutrono molta ammirazione nei suoi confronti e si avvalgono spesso dei suoi consigli per affrontare la vita e le relative difficoltà. Serena in particolare é innamorata di Ash da quando erano bambini. In quell’occasione Ash la aiutò dopo che si era persa in una foresta.

Voce di Ash in XY:

Per quanto riguarda l’aspetto fisico, ora Ash è alto 165 centimetri. In alcune scene può esserci qualche sproporzionatura perché, come spiegato anche nel sito Bulbapedia, i disegnatori dell’anime non rispettano quasi mai le proporzioni tra pokémon e personaggi (potete leggere un approfondimento sull’argomento a QUESTO LINK).

Nonostante l’altezza debba risultare un po’ ambigua per permettere a chiunque di immedesimarsi in lui, negli episodi é stato anche possibile notare una crescita di Ash anche nella statura.

growupvlcsnap-2015-03-16-23h58m32s54Gli schemi ufficiali delle proporzioni dei personaggi confermano che, nelle prime serie, la statura di Ash era realmente quella rappresentata negli esempi che avete appena visto; mentre negli episodi più recenti, Ash risulta SEMPRE più alto rispetto alle prime serie.Height Chart_Original series

A tal proposito, é anche un dato di fatto che nella serie XY, nuovi allenatori come Shana, Trovato, Marin e Sandro sono tutti visibilmente più piccoli di Ash. Come sapete, un professore non é autorizzato ad affidare il primo pokémon a un bambino sotto i 10 anni.

Senza titolo-1

Osserviamo anche come uno stesso disegnatore ha maturato i lineamenti di Ash nel tempo tramite queste immagini:

Ash_changePer coerenza le immagini che avete appena visto sono tutte di Masaaki Iwane, ovvero il miglior direttore d’animazione in Pokémon, che realizza i disegni più fluidi e realistici. Tuttavia bisogna tenere conto che vi sono moltissimi altri disegnatori, ciascuno con il suo stile…chi più e chi meno realistico.

11218984_1626918877586003_621781853759207739_n

Satoshipedia si basa solo ed unicamente sulle serie che costituiscono la timeline originale dell’anime Pokémon.


Firma anche tu la petizione per dire basta ai reboot di Ash nell’anime Pokémon! Bastano pochi secondi e puoi scegliere di restare anonimo, nascondendo pubblicamente i tuoi dati!


Pokénerd

About Pokénerd

Nasce in Umbria nel Giugno 1992. Si appassiona all'Anime Pokémon dagli albori in Italia e segue scrupolosamente ogni episodio. Particolarmente esperta sul protagonista Ash Ketchum, si é documentata su tutto ciò che é possibile conoscere su di lui, arrivando così a gestire l'enciclopedia online Satoshipedia.

La famiglia di Ash

english icon_Satoshipedia_okLa famiglia di Ash

Le uniche informazioni che si hanno sulla famiglia di Ash provengono dai libri scritti dal creatore della serie animata Takeshi Shudo (di cui si parla a QUESTO LINK).

Benché la vita di Ash sia sempre stata molto serena, la situazione familiare non é delle più rosee. I suoi genitori sono separati, perché il padre ha abbandonato la famiglia appena dopo la nascita di Ash, lasciando sola Delia che aveva solo 19 anni.

Per quanto riguarda i  nonni di Ash, si sa soltanto che il padre di Delia abbandonò la famiglia per diventare un allenatore di pokémon quando lei era piccola, mentre la madre é morta a causa di una malattia, poco dopo la nascita di Ash. Anche per via di questa situazione, Ash tiene molto a far sentire i suoi pokémon come membri di una granfe famiglia, lo ribadisce continuamente negli episodi. Ciò deriva palesemente da un suo desiderio di rendere, in qualche modo, più numerosa la sua famiglia (oltre, ovviamente, a voler creare un clima di solidarietà tra i suoi pokémon).

Di tutta questa vicenda, il personaggio che sicuramente desta più curiosità é il fantomatico padre di Ash, ma per arrivare a lui é necessario conoscere un po’ meglio Delia.

Delia é la mamma di Ash. Il rapporto tra loro é più simile a quello tra sorella e fratello, che a quello tra madre e figlio, per via della giovanissima età in cui Delia ha dato alla luce Ash.

É una donna molto solare: sempre allegra e piena di energie, da cui Ash ha infatti ereditato il carattere. Però sa anche essere molto severa con il figlio, specialmente per quanto riguarda l’educazione. Nei confronti di Ash é anche un po’ apprensiva, infatti lo sommerge sempre di raccomandazioni.

Tra le sue passioni c’é il giardinaggio. Delia é nota per il suo fantastico pollice verde, il che é possibile constatarlo dai bellissimi fiori e dagli ortaggi che coltiva. Attenzione però, offrirsi di aiutarla in giardino potrebbe rivelarsi un grosso errore: lo stesso Ash da bambino non riusciva nemmeno a studiare quando Delia gli chiedeva di aiutarla in giardino, perché si ritrovava sempre a fare una cosa dietro l’altra senza fine!

Delia é anche una cuoca eccellente, infatti gestisce la locanda “Pallet House”, che ha ereditato alla morte di sua madre.
Ogni mattina Delia esce da casa all’alba per fare spesa, dopodichè inizia a preparare il pranzo per gli ospiti della locanda: é molto attenta a selezionare con cura gli alimenti più sani ed energetici. Questo perché Delia sostiene che il pranzo sia il pasto più importante della giornata e un semplice bento non basta a fornire sufficienti energie per affrontarla.

In realtà Delia desiderava diventare un’allenatrice di Pokémon, tuttavia a causa della locanda e della nascita di Ash non ebbe mai occasione di partire.
Così, da giovane Delia si limitò a studiare i pokémon presso il laboratorio del Prof. Oak, dove conobbe il suo amico Spencer Hale (come visto nel terzo film).

La maggior parte degli abitanti di Biancavilla considerano Delia una bellezza, infatti a soli 17 anni apparve sulla copertina di un’edizione speciale della rivista “Pokémon Pals”, insieme ad un Bellsprout. Tuttavia Delia non lo ha mai raccontato ad Ash.

Approfondimento su come Delia ha affrontato la maternità di Ash a QUESTO LINK

Per quanto riguarda il padre di Ash, egli é un allenatore di Pokémon attualmente in viaggio in una terra lontana. Delia lo conobbe proprio nella sua locanda, quando aveva 18 anni e sua madre era ancora in vita.  Lui era un viaggiatore aspirante allenatore di Pokémon e alloggiava al Pallet House. I due si innamorarono e la loro relazione si intensificò rapidamente, tanto che nell’arco dello stesso anno si sposarono. Quando Ash nacque, Delia aveva solamente 19 anni.

L’uomo, però, subito dopo la nascita di Ash lasciò Biancavilla e non tornò mai più. Delia si arrabbiò molto per questo gesto, tanto che si ripromise di ignorare il padre di Ash anche se fosse tornato.
Tuttavia, negli anni successivi alla scomparsa del marito, Delia ricevette oltre cento proposte da altri uomini, ma lei le rifiutò tutte perché in realtà non ha mai voluto divorziare dal padre di Ash.
Infatti, Nonostante la sua personalità solare e allegra, Delia soffre molto per la scomparsa del marito. La maternità é stata davvero dura e una o più volte le é capitato di piangere davanti allo stesso Ash, che puntualmente riusciva a confortarla, pur avendo solo tre anni di età. Grazie ad Ash Delia non era completamente sola, perciò nonostante tutto, lei non ha mai considerato un peso la sua maternità.

Da piccolo Ash chiedeva spesso del padre, voleva sapere in continuazione cosa stesse facendo e dove si trovasse…ma Delia ovviamente non era in grado di rispondere a queste domande, perciò si limitava a raccontare ad Ash di quanto il suo papà fosse eccezionale come allenatore (anche se non c’era nessuna prova che lo fosse diventato realmente, dato che non si era più saputo nulla di lui) e gli mostrava delle fotografie.

Piccola Chicca: Gli scrittori dell’anime promisero alla 4Kids che entro la quinta stagione (The Master Quest) avrebbero introdotto il padre di Ash, ma come tutti sappiamo non é mai successo.

Nonostante la situazione, Ash non é mai rimasto scioccato dalla mancanza di suo padre, questo perché Delia, essendo una persona estremamente positiva, odia vedere Ash triste ed ha sempre fatto di tutto per rendergli positiva ogni cosa. Fortunatamente Ash ha un carattere fortissimo sotto ogni aspetto. Come spiegato da Takeshi Shudo ciò deriva proprio dall’assenza del padre: infatti se Ash lo avesse conosciuto, probabilmente la sua personalità sarebbe molto diversa.

La notte prima di partire per il suo viaggio, Ash assicurò a Delia che non farà la fine di suo padre. A parte questo non si conosce di preciso la considerazione che Ash ha attualmente di lui, ma sta di fatto che evita sempre di toccare l’argomento. Nonostante gli amici, in diversi episodi, abbiano parlato dei propri padri in sua presenza, lui non ha mai accennato niente sul suo. Tutto questo indica che Ash sia molto arrabbiato con il padre, benché probabilmente speri di incontrarlo nel corso dei suoi viaggi.


Firma anche tu la petizione per dire basta ai reboot di Ash nell’anime Pokémon! Bastano pochi secondi e puoi scegliere di restare anonimo, nascondendo pubblicamente i tuoi dati!


Pokénerd

About Pokénerd

Nasce in Umbria nel Giugno 1992. Si appassiona all'Anime Pokémon dagli albori in Italia e segue scrupolosamente ogni episodio. Particolarmente esperta sul protagonista Ash Ketchum, si é documentata su tutto ciò che é possibile conoscere su di lui, arrivando così a gestire l'enciclopedia online Satoshipedia.

Età di Ash in ogni serie

english icon_Satoshipedia_ok

Età di Ash Ketchum in ogni serie

Non si può iniziare a parlare di Ash senza prima aver chiarito la questione sulla sua età.

Come già detto in vari articoli precedentemente pubblicati, uno dei quali potete leggerlo a QUESTO LINK , la “leggenda metropolitana” degli eterni 10 anni di Ash è largamente smentita da più fattori, quali fonti ufficiali del creatore dell’anime e informazioni date negli stessi episodi:

Ciò che state per leggere é candidamente constatabile nella stessa serie anime, vale a dire che non c’é scritto niente che non possiate verificare voi stessi 🙂

> La prima serie animata, in cui è UFFICIALMENTE trascorso più di un anno: negli episodi sono stati regolarmente inseriti dei precisi riferimenti ai mesi che passavano, pertanto si può sapere con assoluta certezza in che periodo era ambientato ogni episodio.

 > Il recente episodio della serie Destini Rivali: “Addio Coppa Junior, bentornata avventura”, in cui Lucinda dice chiaramente che è passato un anno da quando ha partecipato alla precedente Coppa Adriano, quindi non è possibile che Ash avesse avuto 9 anni in quella serie.

> Già i soli mesi trascorsi, citati negli episodi hanno occupato in totale più di UN ANNO nella linea temporale dell’anime (due mesi dalla partenza di Ash nell’episodio “La scuola per allenatori“, due mesi prima della Lega di Indigo nell’episodio “Uniti nel pericolo“, un mese prima della Coppa Vortice nell’episodio “Prima tappa sulle isole” , tre mesi prima della Conferenza Argento nell’episodio “Doppio furto“, tre mesi prima della Lega di Hoenn nell’episodio “Otto non basta“, un mese prima del Gran Festival di Kanto nell’episodio “Una gara decisiva“, un mese prima della Lega di Sinnoh nell’episodio “L’ottava meraviglia del mondo di Sinnoh” e due mesi prima della Lega di Unima).

> L’episodio 17 della serie XY intitolato “Lezione sull’arte Ninja”, in cui Ash ha affermato di allenare pokémon da TANTI ANNI.

Per correttezza: sappiamo che in altre lingue in questa scena Ash ha detto “tanto tempo”, ma a parte il fatto che l’espressione “tanto tempo” negli episodi é stata spesso utilizzata anche per indicare un passaggio di anni, abbiamo lasciato l’informazione perché é uno dei tanti casi in cui perlomeno la produzione italiana ha dimostrato di non credere o dare considerazione alla “leggenda degli eterni 10 anni”. L’ultimo caso é stato nell’episodio “Una festa di scambi! Una festa di Addio!“.

> Il terzo cortometraggio (Pikachu e i fratelli Pichu), in cui Ash festeggiò l’anniversario del suo incontro con Pikachu. Non era il primo (anniversario) e doveva essere ambientato tra la 4^ e la 5^ stagione (per una serie di motivi che tra poco leggerete), ma resta il fatto che lì INDUBBIAMENTE era passato più di un anno dalla partenza di Ash.

> La crescita del Lapras di Ash, che in uno degli episodi finali della serie Master Quest risulta cambiato anche di aspetto fisico.

Scena mostrata nell’episodio in cui é citato il cambiamento di Lapras

> Nel libro This is Animation Pocket Monsters The Movie “Mewtwo Strikes Back” “Le Vacanze Estive di Pikachu” Takeshi Shudo spiega che tra la fuga di Mewtwo dalla base del Team Rocket e il momento in cui Ash ha ricevuto l’invito per New Island trascorre un anno di tempo. Gli scrittori dell’anime hanno invece fatto trascorrere solamente un paio di mesi (dato che la fuga di Mewtwo é nell’episodio “Uniti nel pericolo“), commettendo così l’ennesimo errore sulla linea temporale dell’anime. Il film “Mewtwo Strikes Back“, infatti, ha una collocazione precisa nell’anime: gli eventi si sono svolti tra gli episodi “La grande onda” e “Insidia verde”.

> Diversi allenatori visibilmente più giovani di Ash sono andati a prendere il loro primo pokémon (Tra cui Trovato e Sandro, nei recenti episodi di XY) e come ormai ben sapete, NON é possibile ricevere il proprio primo pokémon da un professore o affiliati PRIMA di aver compiuto 10 anni.

> Nell’episodio “Una grande occasione” (serie Johto League Champions) il Treno Magnetico ad alta velocità di Fiordoropoli doveva essere costruito e richiedeva un anno di tempo. Nell’episodio di Best Wishes in cui Iris e Spighetto decidono di andare da Kanto a Johto utilizzano proprio quel treno, dimostrando anche in questo caso il passaggio di anni nella storia.

u.u 2
informazione riportata anche su Bulbapedia (clicca per ingrandire)

 

> Paul ha partecipato anche ai tornei della Lega Pokémon di Kanto, Johto e Hoenn. Essi si svolgono con una cadenza ANNUALE e dato Paul ha partecipato ad edizioni differenti rispetto a quelle di Ash, ciò dimostra che i due hanno inevitabilmente età differenti (e che la statura non é assolutamente un dato canonico per stabilire l’età di un personaggio, ovviamente)

Pokémon League
Screen tratta da Bulbapedia

Inoltre, nel recente episodio della serie XY “Una festa di scambi! Una festa di Addio!” Jessie fa un riferimento a un suo compleanno (anche nella versione Giapponese) festeggiato, per giunta, nel corso della stessa serie XY. Dimostrando ancora una volta che nella storia gli anni passano.

Altri punti potete leggerli nell’articolo linkato sopra.

 Per quanto riguarda l’informazione ufficiale data dal creatore della serie animata, ecco che andiamo ad aprire il discorso dell’età di Ash nelle varie serie.

Età di Ash in ogni serie

 

Takeshi Shudo, il creatore del’Anime Pokémon, pubblicò nel 1997 e nel 1999 due libri in cui svelò alcuni segreti della serie animata (se siete curiosi potete leggere una dettagliata sintesi dei libri a QUESTO LINK), tra cui la verità sul giorno della partenza di Ash per il suo viaggio.

Nella città di Biancavilla, vigeva la regola che i nuovi allenatori potessero iniziare il proprio viaggio di formazione il 1° APRILE successivo al loro decimo compleanno. Ciò corregge l’incongruenza del primo episodio della serie animata, in cui viene detto che Ash partiva perché aveva appena compiuto 10 anni, ma allo stesso tempo partirono insieme a lui anche Gary e altri due allenatori. Era forse il compleanno di tutti? No, semplicemente c’é stato un errore da parte degli scrittori.

Takeshi Shudo ha anche rivelato che il giorno della sua partenza Ash aveva esattamente 10 anni, 10 mesi e 10 giorni, perciò, tornando indietro di questi numeri partendo dal 1° Aprile, é possibile risalire alla data di nascita di Ash: 22 Maggio.

In pratica l’età di Ash quando è partito per il suo viaggio era: quasi 11 anni. Dal momento che nel 9° episodio della serie animata é stato detto chiaramente che erano passati due mesi dalla partenza di Ash, ecco la conferma che 10 anni li ha avuti solo nei primi 6/7 episodi della serie animata.

Per quanto riguarda le altre serie:

Nella lega Orange l’età di Ash era 12 anni. È stato confermato (nel 2° film) che era estate in quel periodo. L’estate precedente (quella in cui Ash aveva, quindi, 11 anni) è stata nel periodo dell’episodio censurato “Vacanze ad Acapulco”, ma arriviamoci con ordine. Come ho spiegato precedentemente, nella prima serie sono stati inseriti dei precisi riferimenti ai mesi in cui erano ambientati gli episodi: come già detto, Ash é partito ad Aprile e 9 episodi dopo era già Maggio. Va da sé, che l’episodio censurato “Vacanze ad Acapulco” é stato ambientato nell’estate adiacente. 

Diversi episodi dopo (il tempo di far passare 6 mesi) si sono svolti gli eventi di “Incontro con Babbo Natale” (che secondo la numerazione UFFICIALE é l’episodio numero 39) e di un episodio di capodanno intitolato: “It’s New Year’s Eve! Pocket Monsters Encore”, che però non é mai andato in onda a causa dello scandalo di “Soldato Elettrico Porygon“.

Un’altra manciata di episodi dopo c’é “Una festa principesca” (altro episodio posticipato a causa di “Soldato elettrico Porygon“, ma secondo la numerazione ufficiale é il numero 50) ambientato il 3 Marzo, perché fa riferimento alla festa di Hinamatsuri.

Cinque episodi dopo si svolgono gli eventi di “Imprevedibile eroe alla riscossa“(anche questo posticipato), ambientato il 5 Maggio, perché fa riferimento alla festa dei bambini in Giappone. Già qui é passato un anno. Negli episodi successivi viene confermato ulteriormente il periodo estivo (episodi “L’uomo degli indovinelli“, “l’inganno” etc). Da lì alla Lega di Indigo passano due mesi, perciò questa si é svolta nel mese di Luglio, mentre a Orange era più o meno Agosto/Settembre.

Takeshi Shudo scrisse insieme a Hideki Sonoda anche un romanzo dedicato al film Mewtwo Strikes Back in cui spiegò che tra la fuga di Mewtwo dalla base del Team Rocket e il momento in cui Ash ha ricevuto l’invito per New Island trascorre un anno di tempo. Gli scrittori dell’anime, invece, hanno fatto trascorrere solamente un paio di mesi commettendo così un altro errore sulla linea temporale dell’anime.

Non é chiaro, però, se debba essere considerato un anno in più da aggiungere alla linea temporale o se Shudo intendesse collocare fuga di Mewtwo e film nell’arco dello stesso anno in cui si svolge la prima serie.

Durante il torneo della lega di Johto l’età di Ash era di circa 12/13 anni, perché è stato confermato che nella serie Johto League Champions era inverno (episodio “Nozze d’oro”). In questo periodo sono anche ambientati due degli episodi Natalizi della serie Pokémon Chronicles. (gli episodi della serie Always Pokémon erano quindi ambientati in periodo autunnale). Nei cinque episodi tra “Prima tappa sulle isole” e l’inizio della coppa Vortice trascorre un mese. Mentre tra l’episodio “Doppio furto” e l’inizio della Conferenza Argento trascorrono altri tre mesi. La lega, infatti, si é svolta a primavera/estate dello stesso anno.

Durante il torneo della lega di Hoenn l’età di Ash era più o meno 13 anniNell’episodio “L’uomo del Mare” é ancora estate, perché ci sono le spiagge affollate di gente. In seguito é stato affermato che la Lega di Hoenn si sarebbe svolta tre mesi dopo, nei cui episodi, infatti, viene chiaramente mostrato che non é più estate e il sole tramonta alle 16:55.

La regione di Hoenn é quella più a Sud ed é basata sull’isola di Kyushu (Giappone), in cui vi é un clima quasi tropicale. Il che si può notare anche negli episodi dell’anime durante la lega in cui, benché fosse inverno, non sembrava che facesse freddo.

Nel corso di questa generazione Ash ha anche raggiunto Misty in altezza.

vlcsnap-2015-11-02-04h39m16s896

In Battle Frontier l’età di Ash era 14 anni.

Ash torna a viaggiare per la regione di Kanto, in cui il precedente viaggio é durato un anno. La serie inizia più o meno in inverno, infatti l’episodio “Il Ciondolo Magico” é ambientato nel periodo Natalizio, come da messa in onda giapponese.

Successivamente, nell’episodio “Una rivale anche in amore” viene dimostrato che é di nuovo estate, come anche nel film Pokémon Ranger e il Tempio del Mare“.       img -_error984 

L’ultimo episodio della serie Battle Frontier é ambientato palesemente in Febbraio perché in questo mese, nella regione di Kanto, il sole tramonta intorno alle 17, proprio come mostrato nell’episodio (ulteriore conferma ne  é la serie DP, perché ambientata in primavera). vlcsnap-00003Ragion per cui, dato che per attraversare la regione di Kanto ci vuole più o meno un anno, anche in questo caso é trascorso tale periodo.

Quando ha partecipato al toreno della lega di Sinnoh l’età di Ash era 15 anni perchè la prima serie di Diamante e Perla si è svolta in primavera, Battle Dimension e Galactic Battles in estate (episodi dell’Accademia Estiva di Pokémon e 12° film ambientato palesemente in periodo estivo). La lega si è svolta in autunno (il torneo é iniziato un mese dopo che Ash ha vinto l’ultima medaglia, inoltre anche qui ci sono le conferme legate agli orari in cui tramontava il sole).

 

Al termine della lega di Sinnoh,  Ash si è fermato a casa qualche mese, dopodichè è partito per un nuovo viaggio (in un luogo mai menzionato né nella serie Diamante&Perla, né nella serie XY) in cui ha conosciuto Alexia

Attenzione:  Gli eventi di Unima non vengono mai menzionati né in Diamante&Perla, nè in XY. Satoshipedia si basa solo ed unicamente sulle serie che costituiscono la timeline originale dell’anime Pokémon.

Il buco temporale parte dal ritorno a casa di Ash alla fine di Diamante&Perla (autunno inoltrato) fino all’arrivo di Ash nella regione di Kalos (primavera dell’anno successivo), ragion per cui proseguiamo il conteggio della linea temporale aggiungendole un anno.

All’inizio della serie XY Ash ha quindi 16 anni. XY è inizialmente ambientata in primavera inoltrata.  Glii episodi del Summer Camp testimoniano poi la stagione estiva. Verso la fine di Kalos Quest arriva l’autunno, infatti più volte si notano paesaggi autunnali e foglie che cadono come nell’episodio XY073: “Una lotte elegante“.

L’inizio della serie XY&Z é ambientato in Novembre, perché nell’episodio XY097 “Ti porterei in un sogno!” i protagonisti stanno guardando le Litleidi. Si tratta di uno sciame meteoritico citato nell’Episodio Delta dei giochi OR AS.5454765 Esso prende il nome dallo sciame delle Leonidi che cade sempre nel mese di Novembre (coincidendo volutamente con l’uscita dei giochi Rubino e Zaffiro, riferimento citato anche in OR AS). Lo stesso episodio XY097 é andato in onda in Giappone nel mese di Novembre.

Il finale della serie sembra essere ambientato a inizio primavera e l’età di Ash risulta quindi di 16 anni e mezzo (17 li compirebbe nel mese di Maggio).

Per ovvie e logiche motivazioni l’anime Pokémon si considera concluso. Se nonostante tutto state continuando a seguirlo, tenete sempre conto di quanto riportato in questo articolo e differenziate l’Ash che abbiamo sempre conosciuto (e che tutti abbiamo visto crescere) dai reboot insensati.

Per conoscere nel dettaglio la linea temporale dell’anime pokémon CLICCATE QUI

Approfondimento su come Ash é cambiato e maturato nel corso degli anni a QUESTO LINK


Firma anche tu la petizione per dire basta ai reboot di Ash nell’anime Pokémon! Bastano pochi secondi e puoi scegliere di restare anonimo, nascondendo pubblicamente i tuoi dati!


Pokénerd

About Pokénerd

Nasce in Umbria nel Giugno 1992. Si appassiona all'Anime Pokémon dagli albori in Italia e segue scrupolosamente ogni episodio. Particolarmente esperta sul protagonista Ash Ketchum, si é documentata su tutto ciò che é possibile conoscere su di lui, arrivando così a gestire l'enciclopedia online Satoshipedia.